Blog: http://giovanidemocraticiAscoli.ilcannocchiale.it

Non dimenticheremo, mai.

E’ impossibile dimenticare quello che è stato, ed il compito di ricordare, spetta alla nostra generazione che non ha vissuto in maniera “diretta” quanto è accaduto negli anni più bui del 900.

Ed è forse proprio perché non siamo stati coinvolti che giorno dopo giorno vediamo riaffiorare virgulti di antisemitismo e razzismo proprio da parte di gruppi spesso formati da ragazzi della  nostra età.

Spetta a noi, riflettere sugli avvenimenti, e trasferire la memoria alle nuove generazioni ribadendo che ogni uomo o donna che sia è libero di esprimere la sua natura senza essere distinto in base all’appartenenza politica, alla sua religione o alle diversità economiche e sociali.

Sembrano cose ovvie, ma alla luce dei fatti ci rendiamo conto che viviamo in una realtà ben differente.

Oggi non dobbiamo ricordare solo il feroce genocidio nazista , ma tutte le ingiustizie che vengono compiute in ogni angolo del pianeta. E non dimentichiamoci soprattutto che anche il nostro amato paese è stato colpito da questa immane tragedia, culminata con la resistenza e la liberazione.

Non dimentichiamoci della medaglia d’oro per attività partigiana. Non dimentichiamoci dei partigiani. Non dimentichiamoci dell’Anpi. Non dimentichiamoci dei fatti di san marco.

Noi giovani democratici, abbiamo vivi i valori della resistenza e dell’antifascismo,perché consapevoli che la costruzione di un nuovo mondo è possibile solo attraverso la negazione del razzismo e della xenofobia, della sopraffazione contro i più deboli e i diversi, contro l’antisemitismo.

I giovani democratici  credono fermamente nei diritti umani, nella solidarietà, nella pace e nella fratellanza ed oggi come ogni giorno si adoperano affinchè cessino i conflitti, perché possano convivere etnie diverse nel rispetto reciproco delle diversità.

 

Non possiamo esimerci dal compito di testimoniare, per non dimenticare.

 

E non pensate che non ci riguardi.
Tutti noi siamo stati strappati dalle nostre case.
Tutti noi siamo stati derisi, spogliati, tolti di ogni dignità.
Tutti noi siamo stati caricati in carri piombati.
Tutti noi siamo entrati nelle camere a gas.
Tutti noi siamo usciti dal camino.

 

 

Francesco Ameli                



 


         

Pubblicato il 27/1/2009 alle 17.0 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web